— 360 —

VIII@

A Roberto Sostegni

Per la morte di Angela Cimmino marchesa della Petrella (1727).

      Tornò al ciel la gran donna e saggia e forte,
che sol volle mostrarla al cieco mondo
mentre dal proprio abisso atro, profondo
crolla tra scosse di capriccio e sorte.
      Poiché ha le somme laudi or tutte assorte
de l’adulare altrui vil vezzo immondo,
quai via gittate senza scelta e pondo
son di virtude atro veneno e morte;
      questa di lei dirò picciola parte:
l’aura mancò, che m’innalzava al cielo,
Sostegni mio, per farmi a lei dappresso.
      Giaccion l’opre d’ingegno a terra sparte,
d’atra nebbia mi preme il terren velo,
fatto, non che ad altr’uom, grave a me stesso.
Vico PoesNic 360