— 359 —

VII

1. — Di Roberto Sostegni al Vico

Per le stesse nozze.















2. — Risposta del Vico

      A’miei sudor il ciel non temprò ingiuste
le leggi, se tal loda or ce ne rendi,
spirto gentil, che ’l mio nome raccendi
tra le dens’ombre de l’etá vetuste.
      Tu c’hai d’uom vero ambe le parti onuste,
poi ch’i desiri al primo Bene accendi
e i pensier dal disegno eterno prendi
che rado scende in nostre menti anguste,
      e tien del cuor di Febo ambe le chiavi,
de’ chiari sposi sui gran nomi in carte
tutto ben puoi versare il sacro fiume.
      Lascia pur me, da meste cure e gravi
ristretto in me medesmo, ire in disparte
con fievol canto e con dimesse piume.
Vico PoesNic 359