— 343 —

      Ma tu, Saturno, portator degli anni,
non so qual mai superstizion ti tiene,
ché par che ti nascondi
agli occhi d’una sí nobil corona.
Prendiam gli augúri in meglio,
non quai falso stimò finora il mondo.
Cotesta tua gran falce,
in quella etá che tu versavi in terra
(forse perch’assai vecchio,
tu vuoi ch’io te ’l rammenti?),
non ebbe altr’uso che di mieter biade,
da le quai seminate avesti ’l nome;
e ’n quella rozza etade
e ’n quella povertá de le parole
l’uom con le mèsse numerava gli anni
onde avvenne che poi,
del tempo dio, fosti allogato in cielo.
Né cotest’ali invero
ti fûr date perché tu voli o fugga,
perché ’nver tu non sei tardo né presto,
ma ben misuri i moti presti o tardi.
Coteste sono insegne
che ti diêr i patríci
che trovâro gli auspíci,
onde poi da la lor propia pietade
divenner saggi, temperati e forti,
e fûr gli eroi di favole spogliati,
i cui prenci fondâr gli eroici regni;
e sol di questi poi le discendenze,
perché aveano tra lor certe divise
che non avean tra lor l’oscure plebi,
tutto mercé de le mie certe nozze,
da l’ordin lungo de’ lor certi padri
sol essi meritâr con vero nome
de le genti maggiori dirsi «patríci».
E noi da quelle antiche inclite case,
Vico PoesNic 343