— 325 —

e da la povertá de le parole
nata necessitá farne trasporti,
nata necessitá farne raggiri,
o mancando i raggiri e gli trasporti,
da evidenti cagioni o effetti insigni
o dalle loro piú cospicue parti
o d’altre cose piú ovvie ed usate,
co’ paragoni o simiglianze illustri
o co’ vividi aggiunti o molto noti,
s’ingegnâro a mostrar le cose istesse
con note propie de le lor nature,
che i caratteri fûr de’ primi eroi,
ch’eran veri poeti per natura
che lor formò poetica la mente,
e sí formò poetica la lingua;
ond’essi ritrovâr certe favelle,
che voglion dire favole minute
dettate in canto con misure incerte,
ed i veri parlari o lingue vere
gli uomin dianzi divisi unîro in genti
e le genti divise unîro a Giove,
ond’è il mio sommo Giove eguale a tutti;
e tal fu detto favellare eterno
degli uomini, de’ dèi, de la natura,
onde nefandi son, né mai pòn dirsi
ch’era in lor favellar, non mai pòn farsi
le madri mogli ed i figliuoi mariti.
E sí la forza de’ bisogni umani
e la necessitá scovrirgli altrui
e la gran povertá de le parole
e la virtú del ver comune a tutti,
che mostrò l’utiltade a tutti uguale,
destâro unite il tuo divin furore,
di che pieni que’ primi eroi poeti,
de’ quai fêro tra lor le greche genti
famosi personaggi o comun nomi
Vico PoesNic 325