— 131 —

      [359] Le quali pruove filologiche servono per farci vedere di fatto
le cose meditate in idea d’intorno a questo mondo di nazioni,
secondo il metodo di filosofare del Verulamio, ch’è «cogitare
videre
»; ond’è che, per le pruove filosofiche innanzi fatte, le
filologiche, le quali succedono appresso, vengono nello stesso
tempo e ad aver confermata l’autoritá loro con la ragione ed
a confermare la ragione con la loro autoritá.
      [360] Conchiudiamo tutto ciò che generalmente si è divisato d’in‐
torno allo stabilimento de’ princípi di questa Scienza: che,
poiché i di lei princípi sono provvedenza divina, mode‐
razione di passioni co’ matrimoni e immortalitá del‐
l’anime umane con le seppolture; e ’l criterio che usa
è che ciò che si sente giusto da tutti o la maggior
parte degli uomini debba essere la regola della vita
socievole (ne’ quali princípi e criterio conviene la sapienza
volgare di tutti i legislatori e la sapienza riposta degli piú
riputati filosofi): questi deon esser i confini dell’umana ragione.
E chiunque se ne voglia trar fuori, egli veda di non trarsi
fuori da tutta l’umanitá.
Vico SN44-1Nic 131