— 127 —

l’ordine; e tali pruove ci apparecchia l’eterna sapienza. E final‐
mente considerare se siam capaci d’intendere se, a quelle occa‐
sioni, luoghi e tempi, potevano nascere altri benefíci divini,
co’ quali, in tali o tali bisogni o malori degli uomini, si poteva
condurre meglio a bene e conservare l’umana societá; e tali
pruove ne dará l’eterna bontá di Dio.
      [345] Onde la propia continua pruova che qui farassi sará il com‐
binar e riflettere se la nostra mente umana, nella serie de’ pos‐
sibili la quale ci è permesso d’intendere, e per quanto ce n’è
permesso, possa pensare o piú o meno o altre cagioni di quelle
ond’escono gli effetti di questo mondo civile. Lo che faccendo,
il leggitore pruoverá un divin piacere, in questo corpo mor‐
tale, di contemplare nelle divine idee questo mondo di nazioni
per tutta la distesa de’ loro luoghi, tempi e varietá; e truove‐
rassi aver convinto di fatto gli epicurei che ’l loro caso non
può pazzamente divagare e farsi per ogni parte l’uscita, e gli
stoici che la loro catena eterna delle cagioni, con la qual vo‐
gliono avvinto il mondo, ella penda dall’onnipotente, saggia
e benigna volontá dell’Ottimo Massimo Dio.
      [346] Queste sublimi pruove teologiche naturali ci saran confer‐
mate con le seguenti spezie di pruove logiche: che, nel ragio‐
nare dell’origini delle cose divine ed umane della gentilitá, se
ne giugne a que’ primi oltre i quali è stolta curiositá di do‐
mandar altri primi, ch’è la propia caratteristica de’ princípi;
se ne spiegano le particolari guise del loro nascimento, che si
appella «natura», ch’è la nota propissima della scienza; e
finalmente si confermano con l’eterne propietá che conservano,
le quali non posson altronde esser nate che da tali e non altri
nascimenti, in tali tempi, luoghi e con tali guise, o sia da tali
nature, come se ne sono proposte sopra due degnitá.
      [347] Per andar a truovare tali nature di cose umane procede
questa Scienza con una severa analisi de’ pensieri umani d’in‐
torno all’umane necessitá o utilitá della vita socievole, che sono
i due fonti perenni del diritto natural delle genti, come pure
nelle Degnitá si è avvisato. Onde, per quest’altro principale
suo aspetto, questa Scienza è una storia dell’umane idee,
Vico SN44-1Nic 127