— 281 —

idque agebatur adoptione; vel in servos, quod utrumque agebatur man‐
cipatione; nempe hominum liberorum simulata, servorum vera; — vel
acquiritur potestas in pupillos; idque agebatur tutoris datione; — vel
acquiritur dominium rerum per universitatem, et agebatur testamenti
factione per aes et libram, quae mancipatio quaedam erat (unde «fa‐
miliae venditor» et «familiae empor» dicti); cui successit postea te‐
stamentum praetorium (inventa scriptura vulgari), uti ante legem XII
Tabularum erat testamentum calatis comitiis, et ea acquisitio fiebat cre‐
tione, cui postea successit deliberatio, demum aditio; — vel acquiritur
dominium rerum singularium ex ultima voluntate, idque agebatur rei
legatae optione (praeter autem eam caussam, cetera legata cretione he‐
redis legatariive acquirebantur); — vel acquiritur dominium rerum sin‐
gularium inter vivos, et tunc id mancipatione et nexus traditione age‐
batur; alioqui usucapione opus erat anni vel biennii, prout res mobilis
erat vel soli, et usucapio tunc erat dominii adiectio, qua dominio boni‐
tario, acquisito ex naturali traditione, adiiciebatur dominium ex iure
Quiritium usucapione; — vel acquiritur obligatio ex contractibus aut
pactis, et in stipulationem erat transfundenda, quae postea acceptilatione
tolleretur; — vel postremo acquiritur dominium adiudicatione, idque
agebatur cessione in iure. Quapropter tales fuere, non alii, quia vel ad
acquirendum vel ad solvendum alienandumve sive potestatem sive do‐
minium sive obligationem iure optimo pertinebant; ideo nec plures nec
pauciores, quia iis omne acquisitionis, solutionis et alienationis nego‐
tium iure optimo transigebatur
.
      [1429] Ora qui diamo a’ pareggiatori attici questa miserevole elezione:
qual essi piú tosto vogliono delle due, se tutte queste leggi sieno
state native del Lazio, o sien venute da Grecia. Se rispondon il
primo, sono perduti, perché su queste leggi, donde era nato, crebbe
in casa e si formò tutto il vasto corpo del diritto romano. Se ri‐
spondono il secondo, qui si veda, d’uomini per altro in erudizione
chiarissimi e valenti critici degli scrittori, che cimmeria grotta di
tenebre è la loro memoria, ond’esce una densissima notte di er‐
rore, ch’ingombrava loro l’intendimento! che mostro di assurdezza
si nasconde nella lor fantasia (come sopra dicemmo di tutt’i cri‐
tici sí fatti, nell’incominciar i princípi di questa Scienza)! che, senza
niuna di quelle leggi le quali regolano l’iconomiche e civili fac‐
cende degli uomini, fanno viver i romani fin al trecento e tre
di Roma, dentro il qual tempo avevano ingrandito un potente re‐
gno nel Lazio! Lo che non può farsi ragionevole che con la giu‐
stizia del secolo dell’oro, con la qual Ermogeniano ci disse in
quest’opera essersi dapprima divis’i campi e custoditi i termini fino
Vico SN30Nic 281