— 265 —

publicam, bellis civilibus fessam, sub imperium accepit». [SN2] Se
cotal legge regia naturale avesse Grozio avvertito, il Gronovio,
per lusingare la libertá olandese, non l’arebbe calonniato che fusse
adulatore della francese monarchia [CMA3], come sopra si è pur
narrato. Ma, lasciando le frivole obbiezioni che gli fa il Gronovio,
esso Cuiacio, [CMA1] quando scrisse sopra i feudi, doveva [CMA3]
pure [CMA1] porsi in ricerca perché le piú belle espressioni [CMA3]
e piú eleganti [CMA1] della piú colta giurisprudenza romana
[CMA3] antica, [CMA1] con le quali egli mitiga la barbarie della
dottrina feudale, vi riescono cotanto acconce che nulla piú. Ma
egli non poté neppur odorare le cagioni dell’acconcezza, perché
non [CMA3] poté saper nulla de’ princípi [CMA1] dell’antica giu‐
risprudenza romana eroica. La quale giá si era perduta di vista
da essi giureconsulti della giurisprudenza romana [CMA3] ultima,
tanto che Giustiniano, come sopra osservammo, ne tiene le leggi
a luogo di favole; e i romani certamente [CMA1] non dovettero
godere del privilegio, che non poteron aver essi greci, gli piú intel‐
ligenti e scorti di tutte le nazioni, i quali fin al tempo del padre
di Tucidide nulla seppero affatto delle antichitá loro propie: onde
l’uomo d’ingegno severo e grave si diede a scrivere l’istoria della
guerra peloponnesiaca, [CMA3] la quale si era fatta a’ suoi tempi.
      [1398] [1085] [CMA3] E qui faccia tutto il suo uso ciò che si è sopra
detto: che quindi intenda Bodino se i feudi [CMA4] soggetti a
maggiore sovranitá [CMA3] sono diritto de’ tempi barbari ultimi,
che sono di tutti i tempi barbari, da’ quali incomincian le nazioni;
intenda Oldendorpio .... il diritto romano è nato dalle scintille
de’ feudi; intenda Cuiacio, che, se [CMA1] avesse ritruovato queste
origini de’ feudi, non solo non ne arebbe detto essere la [CMA4]
dottrina, in questa sua parte, [CMA1] vile, ma arebbe scoverte
l’origini del suo grande e magnifico regno di Francia. [CMA4]
Il quale, perché piú degli altri stiede fermo sopra i princípi dei
feudi, particolarmente con la legge salica, divenne sopra gli altri
tutti d’Europa grande e magnifico. Appunto come i romani, perché
vi stettero fermi piú dell’altre nazioni del mondo, divennero signori
del mondo. Le quali origini del regno di Francia abbiamo noi
scoverte in dimostrando [CMA1] i falsi princípi della politica
[CMA3] posti dal francese [CMA1] Bodino, il quale superbamente
si rideva d’esso Cuiacio. [CMA3] Ch’è finalmente ciò che nell’Idea
dell’opera avevamo promesso di dimostrare: dentro la natura de’
feudi ritruovarsi l’origini de’ nuovi reami d’Europa.
Vico SN30Nic 265