— 263 —

vassallo. Quindi vedasi che sconcezze! che assurdi! che contor‐
cimenti d’idee! Chiamano «cerimoniale» la prima in senso di
«finta», perché l’oppongono all’altra, che chiaman «vera»; la
quale dovevano appellare «investitura vera fatta con la tradizione
solenne», o sia con la mancipazione, ch’a’ romani era stata la
consegna d’un nodo, a questi fu dell’anello (che sopra ad altro
proposito dimostrammo esser succeduto in luogo del nodo), o si
faceva con la consegna della spada o dell’asta, dalla qual appunto
era venuto detto il dominio quiritario a’ romani, e i feudi se ne
dissero da’ barbari, con troppo bella corrispondenza, «beni della
lancia». E cotal tradizione era del gius, la quale principalmente
si considerava dalla giurisprudenza romana antica; e cosí dalla
giurisprudenza barbara antica dovette considerarsi. La qual tra‐
dizione di gius deve produrre possessione civile, non naturale,
che debbia essere soccorsa da alcuna «bonorum possessione»; e
cosí questa dovette scrupolosamente osservare le cerimonie di
tal tradizione, che perciò «cerimoniale» restò detta, come quella
aveva osservato la solennitá della mancipazione, la qual dava la
forma a tutti gli atti legittimi. Perché l’una e l’altra civile tradi‐
zione nacque ne’ tempi mutoli, ne’ quali con atti diffiniti si dove‐
vano spiegare le volontá determinate di coloro che volevano
acquistare, conservare o alienare diritti; e sí in tai tempi tai ce‐
rimonie erano tanto necessarie quanto lo è oggi l’accertarsi della
volontá, ch’è ’l subbietto di tutti i diritti. Onde cosí dagli antichi
romani come da’ primi ricorsi barbari si teneva a luogo d’una
dipendenza di fatto la tradizione naturale, che i feudisti dicono
«vera», ed era la tradizione d’esso corpo feudale. Perché i feudisti
ne parlano ne’ tempi umani, ne’ quali, come i giureconsulti della
giurisprudenza ultima, attendono alla sola veritá de’ fatti, non
giá alle cerimonie degli atti legittimi. Conduce a ciò che diciamo,
che chiamano «cerimoniale» la prima, perché si celebrò ne’ tempi
divini ricorsi, ne’ quali i feudi incominciarono dagli ecclesiastici,
de’ quali questi furono i primi ecclesiastici benefíci, come sopra
si è detto, e i feudisti eruditi latinamente «beneficia» voltano i
feudi, de’ quali le piú antiche memorie si ritruovan ne’ canoni.
      [1393] [1077*] Ritornarono le pene crudeli eroiche, onde lo scudo di
Perseo insassiva i riguardanti, come sopra abbiam spiegato, e ne
restaron dette «pene ordinarie» le pene di morte.
      [1394] [1079] .... [CMA3] Perché nelle cittá eroiche ogni tal am‐
mazzamento era fatto d’un padre o sia d’un nobile, perché di soli
Vico SN30Nic 263