— 262 —

di guerra che si chiamano gli «re dell’armi»; e consegrarono le
loro persone reali ....
      [1389] [1050] .... Ond’è che i popoli, in que’ tempi, erano diligen‐
tissimi in sotterrarle e nasconderle, [CMA3] onde tai luoghi,
ch’osserviamo nelle chiese addentrati e profondi, ne restaron
detti «succorpi».
      [1390] [1056*] [CMA4] Tutte queste osservate cose, con altre sopra
ragionate da noi, possono dare la via d’intorno a ciò che la storia
barbara del settimo ed ottavo secolo, con maraviglia de’ leggitori,
racconta: che gli re concedevano a’ loro capitani intieri cenobi e
monasteri, in qualitá di benefíci e di feudi, e che nella Francia,
Inghilterra, Germania ed anco Italia ministri de’ re possiedevano
de’ cenobi e monasteri, e vi abitavano con le loro mogli e figliuoli,
consecravano il capo con la tonsura, che usasi da’ chierici, e s’in‐
titolavano «abati».
Capitolo Secondo

      [Questo capitolo nella SN2 formava tutt’una cosa col precedente. Ma
giá nelle CMA1 il V. ne faceva un capitolo a parte, col titolo: Disco‐
verta d’intorno alla vera origine de’ feudi; titolo che nelle CMA3 di‐
ventò Ricorso che fanno le nazioni sopra la natura eterna de’ feudi,
e quindi il ricorso della giurisprudenza romana antica fatto colla dot‐
trina feudale; salvo a esser nuovamente mutato, nelle CMA4, in quello
adottato nella SN3].
      [1391] [1057] A questi succedettero certi tempi eroici, per una certa
distinzione ritornata di nature quasi diverse, eroica ed umana;
onde ancor oggi tra noi usano i nobili quella espressione: che essi
«nascono bianchi». Da che viene la cagione di quell’effetto di
che si maraviglia Ottomano ....
      [1392] [1075] .... [CMA3] cosí questi negli ultimi loro tempi per‐
derono di veduta l’antico diritto feudale. Imperciocché diffiniscono
l’investitura del feudo con la tradizione; poi ne fanno due spezie,
delle quali una chiamano «cerimoniale», e diffiniscono «tradi‐
zione del feudo fatta con la consegna dell’anello o della spada o
della lancia»; e questa oppinano produrre una spezie di «bonorum
possessione» decretale: l’altra spezie d’investitura chiamano «vera»,
ch’è quando il signore del feudo ne mette nel real possesso il
Vico SN30Nic 262