— 233 —

d’Ulisse e d’Enea. Osservaron essi per lo mondo sparso .... gli
Ercoli dell’altre nazioni aver preso il nome dal lor Ercole egizio,
per quel comun errore, che suol essere padre della boria, come
madre n’è l’ignoranza, onde credevan essere la nazione piú an‐
tica ....
Capitolo Secondo

      [1321] [771] .... le favole debbon aver avuto alcun pubblico mo‐
tivo di veritá, nella cui ricerca macera tanto di scelta erudizione
Samuello Bocharto, De adventu Aeneae in Italiam, per farla istoria.
Perché egli è Evandro sí potente .... fu egli il primo che menò
una colonia nel mar vicino? E se tali frigi non sono i compagni
d’Enea, tal difficultá s’avvanza vieppiú, quanto sono trecento
anni piú antichi degli Ermodori che vengono da Efeso, cittá pur
d’Asia, a far l’esiglio in Roma, per dar le notizie delle leggi ate‐
niesi a’ romani, onde portino la legge delle XII Tavole da Atene
in Roma; e vi viene da un cento anni dopo che nemmeno il nome
di Pittagora .... non sapevano chi fusser i romani, giá potenti
in Italia? Oh critica sopra gli scrittori troppo scioperata, che da
tali princípi incomincia a giudicar il vero delle cose romane!
      [1322] [772] .... e i vinti ricevuti in qualitá di soci eroici, dispersi
per le campagne di quel distretto, obbligati a coltivare i campi
per gli eroi romani; e ch’avessero avuto ben i romani l’idee di
vagabondi, cosí mediterranei come marittimi, d’uomini senza ter‐
reni, e non avessero le voci da spiegare cotali cose straniere; ma
che cosí l’ebbero da’ greci, che dovettero i vagabondi mediterranei
chiamare «arcadi» uomini selvaggi, e i marittimi chiamare «frigi»
per uomini usciti da cittá bruciate, stranieri venuti da mare e che
non avevano terre. E cosí a capo di tempo che tali tradizioni per
mano di gente barbara ....
      [1323] [772*] Ma pur resta uno scrupolo sull’oppenione volgare de’
dotti, che i troiani non furon greci, ond’han creduto la frigia es‐
sere stata una lingua da quella de’ greci diversa. Certamente Omero
non ha dato loro l’occasione di tal comun errore, perché egli
chiami i greci d’Europa «achivi», e «frigi» quelli dell’Asia; e
senza dubbio Troia per un picciolo stretto di mare era divisa dal
continente d’Europa, come l’Ionia, dove fu Troia, senza contrasto
tutta fu greca. Ma Aceste fu eroe troiano e fonda la lingua greca
Vico SN30Nic 233