— 49 —

del mondo. Però i greci non iscrissero le loro leggi co’ gero‐
glifici, ma con le lettere volgari, che finora si è oppinato aver
loro portato Cadmo dalla Fenicia, delle quali, come vedrassi,
non si servirono per settecento anni e piú appresso. Dentro
il qual tempo venne Omero, che in niuno de’ suoi poemi
nomina νόμος (ch’osservò il Feizio nell’Omeriche antichitá),
e lasciò i suoi poemi alla memoria de’ suoi rapsodi, perché
al di lui tempo le lettere volgari non si erano ancor truovate,
come risolutamente Flavio Giuseffo ebreo il sostiene contro
Appione, greco grammatico. E pure, dopo Omero, le lettere
greche uscirono tanto diverse dalle fenicie!
      [67] Ma queste sono minori difficultá a petto di quelle: come
le nazioni, senza le leggi, possano truovarsi diggiá fondate? e
come dentro esso Egitto, innanzi di tal Mercurio, si erano giá
fondate le dinastie? Quasi fussero d’essenza delle leggi le let‐
tere, e sí non fussero leggi quelle di Sparta, ove per legge d’esso
Ligurgo erano proibiti saper di lettera! Quasi non vi avesse
potuto essere quest’ordine in natura civile: — di concepire a
voce le leggi e pur a voce di pubblicarle, — e non si truovas‐
sero di fatto appo Omero due sorte d’adunanze: una detta
βουλή, segreta, dove si adunavano gli eroi per consultar a
voce le leggi; ed un’altra detta ἀγορά, pubblica, nella quale
pur a voce le pubblicavano! Quasi, finalmente, la provvedenza
non avesse provveduto a questa umana necessitá: che, per la
mancanza delle lettere, tutte le nazioni nella loro barbarie si
fondassero prima con le consuetudini e, ingentilite, poi si go‐
vernassero con le leggi! Siccome nella barbarie ricorsa i primi
diritti delle nazioni novelle d’Europa sono nati con le con‐
suetudini, delle quali le piú antiche son le feudali. Lo che
si dee ricordare per ciò ch’appresso diremo: ch’i feudi sono
state le prime sorgive di tutti i diritti che vennero appresso
appo tutte le nazioni cosí antiche come moderne, e quindi il
diritto natural delle genti, non giá con leggi, ma con essi
costumi umani essersi stabilito.
      [68] Ora, per ciò ch’attiensi a questo gran momento della cri‐
stiana religione: — che Mosè non abbia apparato dagli egizi
Vico SN44-1Nic 49