— 199 —

«scienza dell’Ente». Ma egli sconosce l’Ente e ’ncomincia a co‐
noscer le cose dalla sostanza, la qual è idea composta di due
cose: d’una che sta sotto e sostiene, d’altra che vi sta sopra e
s’appoggia.
      [1214] Cotal maniera di filosofare diede lo scandalo a Benedetto Spi‐
nosa, uomo senza pubblica religione e, ’n conseguenza, rifiuto di
tutte le repubbliche, e per odio di tutte intimò una guerra aperta
a tutte le religioni. E, non dando altro che la sostanza, e questa
esser o mente o corpo, e non terminando né corpo mente né
mente corpo, per tutto ciò stabilí un Dio d’infinita mente in infinito
corpo, e perciò operante per necessitá.
      [1215] Incontro a Spinosa si è fatto dalla parte opposta Giovanni
Locke, il quale sullo stesso scandalo del Cartesio adorna la me‐
tafisica d’Epicuro, e vuole che tutte l’idee sien in noi per sup‐
posizione ed essere risalti del corpo, e sí è costretto a dar un
Dio tutto corpo operante a caso. Ma il Locke veda s’ella è per
supposizione l’idea del vero Essere, la qual io mi ritruovo aver
innanzi l’idea del mio essere, ch’è tanto dire quanto innanzi del
mio supposto; la qual, perch’è del vero Ente (essendo del vero
bene), mi mena a ricercare nel suo Essere l’esser mio: talché
ella non mi è venuta dal mio corpo, del qual io ancor dubito
dentro la dubitazion del mio essere. Dal corpo è nato il tempo,
e dal corpo e dal tempo, che si misura col moto del corpo (ove
non sia mente la qual regoli il moto del corpo), esce il caso.
      [1216] Con tali ragioni, se non andiamo errati, abbiamo scoverti ma‐
nifestamente i paralogismi delle metafisiche che tengono diverso
cammino dalla platonica. Perocché quella d’Aristotile non è altro
che la metafisica di Platone trasportata dal dialogo al metodo
didascalico, che noi diremmo «insegnativo»; siccome Proclo, gran
mattematico e filosofo platonico, con un aureo libro portò i princípi
fisici d’Aristotile (che sono quasi gli stessi ch’i princípi metafisici
di Platone) al metodo geometrico.
      [1217] Ora incominciamo ormai a ragionare partitamente delle subal‐
terne scienze poetiche.
Vico SN30Nic 199