— 281 —

II

Tavola delle discoverte generali.
      [519] Le quali, oltre le particolari, che qui si fanno ne’ partico‐
lari loro luoghi, come per un corpo il sangue, cosí per que‐
st’opera tutte diffuse e sparse, si comprendono in questa somma.
i
      [520] Un’istoria ideale eterna descritta sull’idea della provvedenza,
sopra la quale corrono in tempo tutte le storie particolari delle
nazioni ne’ loro sorgimenti, progressi, stati, decadenze e fini.
ii
      [521] I princípi eterni della natura degli Stati e dell’eterne pro‐
pietá delle cose civili, le quali se il leggitore, combinandole,
unirá tutte insieme, ritruoverá aver essolui descritte le leggi
naturali di una repubblica eterna, che varia in tempo per vari
luoghi.
iii
      [522] La natura e le propietá originali delle monarchie e delle
repubbliche libere, scoverte dentro loro, come matrici, nelle
repubbliche eroiche e nelle monarchie de’ primi padri di fa‐
miglia nello stato di natura, che finora sono state nascoste
dentro le greche favole. Che era la sapienza degli antichi da
discovrirvi.
Vico SN25Nic 281