— 93 —

seppe vederne la cagione, il qual estima che ’l diritto feudale
sia un diritto novello delle genti d’Europa. Il qual è, in fatti,
un diritto antichissimo, con l’ultima barbarie de’ tempi per
l’Europa rinnovellato.
Capo xxxii

Punto del nascimento delle repubbliche eroiche

dalle clientele.
      [150] E si ritruova qui il punto del nascimento delle prime re‐
pubbliche, delle quali da niuna delle tre spezie conosciute si
poteva far innanzi nessuna immagine. Le quali sursero agli
ammotinamenti di queste famiglie di clienti, attediati di colti‐
vare sempre i campi per li signori, da’ quali essendo fino al‐
l’anima malmenati, gli si rivoltarono contro, e da’ clienti, cosí
uniti, sursero al mondo le prime plebi. Onde, per resister loro,
furono i nobili dalla natura portati a strignersi in ordini, che
furono i primi nel mondo, sotto un capo, che naturalmente
surse tra loro piú robusto, che doveva reggergli e, piú animoso,
incoraggirgli. E questi sono i re, de’ quali pur ci venne la tra‐
dizione che si eleggerono per natura.       [151] Quivi, di dentro al desiderio che ebbe la moltitudine di
esser governata con giustizia e clemenza, si apre la grande co‐
mune origine de’ governi civili e, ad un fiato, si scuopre la
prima base di tutte le cittá, surte sopra due ordini, uno di
nobili, un altro di plebei, che finora non si è potuto ragionare
sopra le famiglie intese di soli figliuoli. Onde sono stati cosí
confusi ed oscuri i princípi co’ quali i filosofi hanno finora ra‐
gionato della politica ovvero dottrina civile.
Vico SN25Nic 93