— 89 —

sul furto. E queste furono le vindicazioni del primo mondo,
come piú appresso si spiegherá. Nel quale antichissimo costume
si scuopre l’origine de’ duelli egualmente appo gli ebrei, greci
e latini: il quale, piú de’ latini e de’ greci, dovette essere appo
gli ebrei, i quali, per la certa antichitá della vera religione
sopra le altre tutte de’ gentili, dovettero difendere i loro campi
da’ ladronecci de’ vagabondi empi. Egli è quel diritto: che sia
lecito uccidere il ladro di notte in ogni modo; di giorno, se
egli si difenda con armadura. Il quale non è d’uopo che né i
pareggiatori del diritto ateniese da Grecia, né quello delle leggi
mosaiche con le romane fin da Palestina, il traggittino in Roma,
perché il dettò la natura a tutte le nazioni — ché, appo tutte,
fu il primo abbozzo delle guerre, che furono le private; onde
le pubbliche infino a’ tempi di Plauto furon dette da’ latini
«duella» — e, ritornati i tempi barbari, fu dalla Scandinavia
risparso di nuovo per tutta Europa.       [143] Di tal maniera si posero i primi termini a’ campi che biso‐
gnavano difendersi con la forza e con una fiera religione, come
appresso si spiegherá. Tanto ebbe facile l’uscita la divisione
de’ campi fatta di buon concerto per gl’interpetri della ragion
civile romana!
Capo xxviii

Principio delle genealogie e della nobiltá

delle prime genti.
      [144] In sí fatte terre propie i postati, risentiti una volta final‐
mente della schifezza, onde marcissero bruttamente sopra la
terra i cadaveri de’ loro attenenti, dovettero seppellirgli secondo
l’«ordine — che elegantemente Papiniano dice — della morta‐
litá» e, come altrove si è dimostro, con certi ceppi imposti
sopra i cadaveri, onde φύλαξ a’ greci, «cippus» a’ latini signi‐
fica sepolcro ad entrambi. Per lo quale atto di pietá, appo
i latini, da «humare» venne principalmente detta «humanitas»:
onde forse gli ateniesi, tra’ quali Cicerone afferma che cominciò
Vico SN25Nic 89