— 530 —
Corollario. istoria fondamentale del diritto Romano.
427

Tre spezie di Giudizj.
429

Corollario de' duelli, e delle ripresaglie.
432

Tre sette di Tempi.
440

Altre pruove tratte dalle propietà dell'aristocratie Eroiche.
451

Della Custodia de' Confini.
451

Della Custodia degli ordini.
454

Della Custodia delle leggi.
464

Dell'altre pruove prese dal temperamento delle Repubbliche
      fatto degli stati delle seconde co i governi delle primiere.
467

D'un eterna natural legge regia, per la quale le nazioni
      vanno a riposare sotto le Monarchie.
470

Confutazioni de' principj della Dottrina politica, fatta
      sopra il sistema di Giovanni Bodino.
471

Ultime pruove, le quali confermano tal corso di nazioni.
477

Corollario. Il diritto Romano antico fu un serioso poema,
      e l'antica Giurisprudenza fu una severa poesia; dentro
      la quale si truovano i primi dirozzamenti della legal
      metafisica; e come a' Greci dalle leggi uscì la filosofia.
480

Libro Quinto.
Del Ricorso delle cose umane nel risurgere, che fanno
      le nazioni.
490

Ricorso che fanno le nazioni sopra la natura eterna de' feudi;
      e quindi il ricorso del diritto Romano antico fatto
col diritto feudale.
495

Descrizione del Mondo Antico, e Moderno delle Nazioni
      osservata conforme al disegno de' principj di questa
      Scienza.
511

Conchiusione dell'Opera sopra un'Eterna Repubblica Naturale
      in ciascheduna sua spezie ottima, dalla Divina
      Provvedenza ordinata.
515

Vico SN44 530