— 520 —
comanda alle passioni, uscì la Filosofia, dalla forma di
esse Repubbliche
destata a formar l'Eroe, e per formarlo
interessata della verità: così ordinando la Provvedenza,
che non avendosi appresso a fare più per sensi
di Religione
, come si erano fatte innanzi, le azioni
virtuose
; facesse la Filosofia intendere le virtù nella
lor' idea; in forza della quale riflessione, se gli uomini
non avessero virtù, almeno si vergognassero de' vizj;
che sol tanto i popoli addestrati al mal'operare può contenere
in ufizio: e dalle Filosofie permise provenir l' Eloquenza,
che dalla stessa forma di esse Repubbliche popolari,
dove si comandano buone leggi, fusse appassionata del
giusto
; la quale da esse idee di virtù infiammasse i popoli
a comandare le buone leggi: la qual' Eloquenza risolutamente
diffiniamo aver fiorito in Roma a' tempi di
Scipione Affricano; nella cui età la Sapienza Civile, e 'l
valor militare, ch' entrambi sulle rovine di Cartagine stabilirono
a Roma felicemente l' Imperio del Mondo, dovevano
portare di seguito necessario un' Eloquenza robusta,
e sappientissima. Ma corrompendosi ancora gli stati
popolari
, e quindi ancor le Filosofie; le quali cadendo
nello Scetticismo, si diedero gli stolti Dotti a calonniare
la verità
: e nascendo quindi una falsa Eloquenza,
apparecchiata egualmente a sostener nelle cause entrambe
le parti opposte
; provenne, che mal'usando l'eloquenza,
come i Tribuni della plebe nella Romana, e non
più contentandosi i cittadini delle ricchezze, per farne
ordine, ne vollero fare potenza; come furiosi Austri il
mare, commovendo civili guerre nelle loro Repubbliche,
le mandarono ad un totale disordine; e sì
da una libertà le fecero cadere sotto una perfetta
Tirannide
; la qual' è piggiore di tutte, ch' è
l' Anarchia, ovvero la sfrenata libertà de' popoli liberi.
Al quale gran malore delle Città adopera la Provvedenza
uno di questi tre grandi rimedj con quest'ordine di
Vico SN44 520