— 514 —
oggi in Europa non sono d' Aristocratie più, che cinque,
cioè Vinegia, Genova, Lucca in Italia, Ragugia in
Dalmazia, e Norimberga in Lamagna; e quasi tutte
son di brievi confini. Ma dappertutto l' Europa Cristiana
sfolgora di tanta Umanità, che vi si abbonda di tutti
i beni
, che possano felicitare l'Umana Vita, non
meno per gli agi del corpo, che per gli piaceri così della
mente
, come dell' animo. E tuttociò in forza della
Cristiana Religione; ch'insegna verità cotanto sublimi,
che vi si sono ricevute a servirla le più dotte Filosofie
de' Gentili
; e coltiva tre Lingue, come sue, la più
antica del Mondo, l' Ebrea, la più dilicata, la Greca,
la più grande, ch' è la Latina. Talchè per fini anco
umani ella è la Cristiana la migliore di tutte le Religioni
del Mondo
: perchè unisce una Sapienza comandata con
la ragionata in forza della più scelta dottrina de' Filosofi,
e della più colta Erudizion de' Filologi. Finalmente valicando
l'Oceano nel Nuovo Mondo gli Americani correrebbono
ora tal Corso di cose umane, se non fussero
stati scoperti dagli Europei:
      Ora con tal Ricorso di cose Umane Civili, che
particolarmente in questo Libro si è ragionato, si
rifletta su i confronti, che per tutta quest'Opera
in un gran numero di materie si sono fatti circa i tempi
primi
, e gli ultimi delle Nazioni Antiche, e Moderne:
e si avrà tutta spiegata la Storia, non già particolare,
ed in tempo delle Leggi, e de' fatti de' Romani,
o de' Greci; ma sull' identità in sostanza d' intendere, e
diversità de' modi lor di spiegarsi; si avrà la Storia Ideale
delle Leggi eterne, sopra le quali corron'i Fatti di
tutte le Nazioni
, ne' loro sorgimenti, progressi, stati,
decadenze
, e fini, se ben fusse, lo che è certamente
falso, che dall' Eternità di tempo in tempo nascessero
Mondi Infiniti. Laonde non potemmo noi far'a meno
di non dar'a quest'Opera l'invidioso titolo di Scienza
Vico SN44 514