— 512 —
capo dal freddo Settentrione, lo Czar di Moscovia,
quantunque Cristiano, signoreggia ad uomini
di menti pigre. Lo Cnez, o Cam di Tartaria domina
a gente molle, quanto lo furono gli Antichi Seri, che
facevano il maggior corpo del di lui grand'Imperio,
ch'or'egli ha unito a quel della China. Il Negus d'Etiopia,
e i potenti Re di Efeza, e Marocco regnano
sopra popoli troppo deboli, e parchi. Ma in mezzo alla
Zona Temperata, dove nascon' uomini d'aggiustate
nature
, incominciando dal più lontano Oriente l' Imperador
del Giappone vi celebra un' Umanità somigliante
alla Romana ne' tempi delle guerre Cartaginesi; di
cui imita la ferocia nell' armi, e, come osservano dotti
viaggiatori
, ha nella lingua un'aria simile alla Latina;
ma per una Religione fantasticata assai terribile, e
fiera di Dei orribili, tutti carichi d' armi infeste, ritiene
molto della natura eroica; perchè i Padri Missionarj,
che sonvi andati, riferiscono, che la maggior difficultà,
ch'essi hanno incontrato, per convertire quelle
genti alla Cristiana Religione, è, ch'i Nobili non
si possono persuadere, ch'i plebei abbiano la stessa natura
umana
, ch'essi hanno. Quel de' Chinesi, perchè
regna per una Religion mansueta, e coltiva lettere,
egli è umanissimo. L'altro dell' Indie è umano anzi,
che nò; e si esercita nell' arti per lo più della pace.
Il Persiano, e 'l Turco hanno mescolato alla mollezza
dell'Asia
da essi signoreggiata la rozza dottrina della loro
Religione
; e così particolarmente i Turchi temperano
l'orgoglio con la magnificenza, col fasto, con la
liberalità, e con la gratitudine. Ma in Europa, dove
dappertutto si celebra la Religion Cristiana, ch'insegna
un' idea di Dio infinitamente pura, e perfetta; e comanda
la carità inverso tutto il Gener'Umano; vi sono
delle grandi Monarchie ne' lor costumi umanissime: perchè
le poste nel freddo settentrione, come da cencinquant'
Vico SN44 512