— 501 —
l' enfiteusi; con le quali era stata coltivata la
gran Selva Antica della Terra: onde il Laudemio
restò a significar'egualmente ciò, che paga il
vassallo al Signore, e l' enfiteuticario al Padrone
diretto. Ritornarono l'antiche Clientele Romane, che
furono dette Commende; le quali poco più sopra abbiamo
fatto vedere: onde i vassalli con latina eleganza,
e propietà da' Feudisti Eruditi ne sono detti clientes,
ed essi Feudi si dicono clientelae. Ritornarono i censi
della spezie del censo ordinato da Servio Tullio; per lo
quale i plebei Romani dovettero lungo tempo servir'a'
Nobili nelle guerre a lor propie spese: talchè i Vassalli
detti ora angarj, e perangarj furono gli antichi assidui
Romani, che come truovammo sopra, suis assibus
militabant
; e i Nobili fino alla Legge Petelia, che
sciolse alla plebe Romana il diritto feudale del nodo, ebbero
la ragione del carcere privato sopra i plebei debitori.
Ritornarono le precarie, che dovettero dapprima essere
di terreni dati da' Signori alle preghiere de' poveri,
per potervisi sostentare col coltivargli: che tutte
sono le possessioni appunto, le quali non mai conobbe
la Legge delle XII. Tavole, come sopra si è dimostrato.
E perchè la barbarie con le violenze rompe la
fede de' commerzj; nè lascia altro curar'a' popoli, ch'
appena le cose, le quali alla natural vita fanno bisogno;
e perchè tutte le rendite dovetter'esser'in frutti,
che si dicono naturali; perciò a' medesimi tempi vennero
anco i Livelli, come permutazioni di beni stabili;
de' quali si dovett'intender l' utilità, com'altra volta si
è detto, ch'altri abbondasse di campi, che dassero una
spezie di frutti, de' quali altri avesse scarsezza, e così
a vicenda, e perciò gli scambiassero tra di loro. Ritornarono
le Mancipazioni; con le quali il vassallo poneva
le mani entro le mani del suo Signore, per significare
fede, e suggezione; onde i vassalli rustici per lo
Vico SN44 501