— 497 —
fissa l' Epoca delle Famiglie: perchè de' nostri pastori
non è propio il pascere, ma il guidar', e guardare gli
armenti, e i greggi; non avendosi potuto la Pastoreccia
introdurre, che dopo alquanto assicurati i confini
delle prime città, per gli ladronecci, che si celebravano
a' tempi eroici: che dev'essere la cagione, perchè
la Bucolica, o Pastoral Poesia venne a' tempi umanissimi
egualmente tra' Greci con Teocrito, tra' Latini con
Virgilio, e tra gl'Italiani con Sannazaro. La voce servitium
appruova, queste cose istesse essere ricorse ne'
tempi barbari ultimi; per lo cui contrario rapporto il
Barone si disse Senior, nel senso, nel qual s'intende
Signore: talchè questi servi nati in casa dovetter'esser
gli Antichi Franchi, de' quali si maraviglia il Bodino;
e generalmente ritruovati sopra gli stessi, che vernae,
li quali si chiamarono dagli Antichi Romani, da' quali
vernaculae si dissero le Lingue Volgari, introdutte dal
Volgo de' popoli; che noi sopra truovammo essere state
le plebi dell'eroiche città; siccome la Lingua Poetica
era stata introdutta dagli Eroi, ovvero Nobili delle
prime Repubbliche. Tal' ossequio d'Affranchiti essendosi
poi sparsa, e quindi dispersa la potenza de' Baroni
tra' popoli nelle guerre civili, nelle qual'i Potenti han
da dipender da' popoli
; e quindi facilmente riunita essendosi
nelle persone de' Re Monarchi; passò in quello,
che si dice obsequium Principis; nel qual'all'avviso
di Tacito consiste tutto il dovere de' soggetti alle Monarchie.
Al contrario per la differenza creduta delle due
nature
un' eroica, altra umana, i Signori de' Feudi furon
detti Baroni, nello stesso senso, che noi quì sopra
truovammo, essere stati detti Eroi da' Poeti Greci, e
Viri dagli Antichi Latini: lo che restò agli Spagnuoli;
da' quali l' uomo è detto baron, appresi tai vassalli,
perchè deboli, nel sentimento eroico, che sopra dimostrammo,
di femmine. Ed oltre a ciò, che testè
Vico SN44 497