— 488 —
la geometrica; e dovette avvertire questa dal Censo,
ch' è la pianta delle Repubbliche popolari; il quale distribuisce
gli onori, e i pesi con la proporzione geometrica
secondo i patrimonj de' cittadini: perchè innanzi non
si era inteso altro, che la sola aritmetica; onde Astrea,
la Giustizia Eroica ci fu dipinta con la bilancia; e nella
Legge delle XII. Tavole tutte le pene, le quali ora
i Filosofi, i Morali Teologi, e Dottori, che scrivono
de Jure Publico, dicono doversi dispensare dalla Giustizia
Distributiva
con la proporzione geometrica; tutte si
leggono richiamate a duplio, quelle in danajo, e talio
l'afflittive del corpo: e perchè la pena del taglione fu ritruovata
da Radamanto; per cotal merito egli ne fu fatto
Giudice nell'Inferno, dove certamente si distribuiscono
pene: e 'l taglione da Aristotile ne' Libri Morali fu detto
Giusto Pittagorico, ritrovato da quel Pittagora, che
si è quì truovato Fondatore di nazione, i cui Nobili
della Magna Grecia
si dissero Pittagorici, come sopra
abbiamo osservato; che sarebbe vergogna di Pittagora,
il quale poi divenne sublime Filosofo, e Mattematico.
Dallo che tutto si conchiude, che dalla piazza d'Atene
uscirono tali Principj di Metafisica, di Logica, di
Morale: e dall'avviso di Solone dato agli Ateniesi Nosce
te ipsum
, conforme ragionammo sopra in
uno de' Corollarj della Logica Poetica, uscirono le Repubbliche
popolari
, dalle Repubbliche popolari le Leggi,
e dalle leggi uscì la Filosofia; e Solone da sappiente
di Sapienza Volgare
fu creduto Sappiente di Sapienza
Riposta
: che sarebbe una particella della Storia della
Filosofia narrata filosoficamente
; ed ultima ripruova delle
tante, che 'n questi Libri si son fatte contro Polibio,
il qual diceva, che se vi fussero al Mondo Filosofi, non
farebber'uopo Religioni
; che se non vi fussero state Religioni,
e quindi Repubbliche, non sarebber'affatto al
Mondo Filosofi; e che se le cose umane non avesse così
Vico SN44 488