— 468 —
umano provvedimento sono più da disiderarsi dal Cielo,
che da potersi unquemai conseguire; e se per sorta ve
n' hanno, non sono punto durevoli
. Ma per non trallasciare
punto di dubbio d'intorno a tal naturale successione
di Stati Politici
, o sieno Civili, secondo questa
ritruoverassi, le Repubbliche mescolarsi naturalmente,
non già di forme, che sarebbero mostri, ma di forme
seconde mescolate co i governi delle primiere
: il qual mescolamento
è fondato sopra quella Degnità, che cangiandosi
gli uomini, ritengono per qualche tempo l'impressione
del loro vezzo primiero
.
      Perciò diciamo, che come i primi Padri gentili
venuti dalla vita lor bestiale all' umana, eglino a' tempi
religiosi
, nello Stato di Natura sotto i Divini Governi
ritennero molto di fierezza, e d' immanità della lor
fresca origine; onde Platone riconosce ne' Polifemi d'Omero
i primi Padri di famiglia del Mondo: così nel formarsi
le prime Repubbliche Aristocratiche, restaron'intieri
gl' Imperj sovrani privati a' Padri delle Famiglie,
quali gli avevano essi avuto nello Stato già di Natura;
e per lo loro sommo orgoglio non dovendo niuno ceder'ad
altri
, perch'erano tutti uguali; con la forma aristocratica
s'assoggettirono all'Imperio Sovrano pubblico d'essi
ordini loro Regnanti
: onde il dominio alto privato di
ciascun Padre di famiglia andò a comporre il dominio
alto superiore pubblico
d'essi Senati; siccome delle potestà
Sovrane private
, ch'avevano sopra le loro Famiglie,
essi composero la Potestà Sovrana Civile de' loro
medesimi ordini: fuori della qual guisa è impossibil'intendere,
come altrimente delle Famiglie si composero
le Città; le quali perciò ne dovettero nascere Repubbliche
Aristocratiche naturalmente mescolate d'Imperj Famigliari
Sovrani
. Mentre i Padri si conservarono cotal
autorità di dominio dentro gli Ordini loro Regnanti, finchè
le plebi de' loro popoli eroici per leggi di essi Padri
Vico SN44 468