— 414 —
DEL CORSO,
Che fanno le Nazioni.
Libro Quarto.

      In forza de' Principj di questa Scienza stabiliti nel
Libro Primo, e dell' Origini di tutte le divine, ed
umane cose della Gentilità ricercate, e discoverte
dentro la Sapienza Poetica nel Libro Secondo; e nel
Libro Terzo ritruovati i Poemi d'Omero essere due grandi
Tesori del Diritto Naturale delle Genti di Grecia
;
siccome la Legge delle XII. Tavole era stata già da noi
ritruovata esser'un gravissimo testimone del Diritto Naturale
delle Genti del Lazio
: ora con tai lumi così di
Filosofia, come di Filologia, in seguito delle Degnità
d'intorno alla Storia Ideal'Eterna già sopra poste, in
questo Libro Quarto soggiugniamo il Corso, che
fanno le Nazioni
, con costante uniformità
procedendo in tutti i loro tanto varj, e sì diversi costumi
sopra la Divisione delle tre Età, che dicevano
gli Egizj, essere scorse innanzi nel loro Mondo,
degli Dei, degli Eroi, e degli uomini: perchè
sopra di essa si vedranno reggere con costante, e nonmai
interrotto ordine di cagioni
, e d' effetti sempre andante
nelle Nazioni per tre spezie di Nature, e da esse
Nature uscite tre spezie di Costumi, da essi costumi osservate
tre spezie di Diritti Naturali delle Genti, e 'n
conseguenza di essi diritti ordinate tre spezie di Stati
Civili
, o sia di Repubbliche: e per comunicare tra loro
gli uomini venuti all'Umana Società tutte queste
già dette tre spezie di cose massime, essersi formate
tre spezie di Lingue, ed altrettante di Caratteri; e per
giustificarle tre spezie di Giurisprudenze, assistite da
Vico SN44 414