— 408 —
di lui Poemi salire nell'alto credito d'essere due grandi
Tesori de' costumi dell'Antichissima Grecia
. Tanto che lo
stesso Fato è avvenuto de' Poemi d'Omero, che avvenne
della Legge delle XII. Tavole: perchè come queste,
essendo state credute Leggi date da Solone agli Ateniesi,
e quindi fussero venute a' Romani, ci hanno tenuto finor
nascosta la Storia del Diritto Naturale delle Genti
Eroiche del Lazio
; così, perchè tai Poemi sono stati
creduti lavori di getto d'un uomo particolare, sommo,
e raro Poeta
, ci hanno tenuta finor nascosta l' Istoria
del Diritto Naturale delle Genti di Grecia
.
Istoria de' Poeti Dramatici, e Lirici ragionata.

      Già dimostrammo sopra tre essere state l' età de' Poeti
innanzi d'Omero
; la prima de' Poeti Teologi,
ch'i medesimi furon' Eroi, i quali cantarono Favole
vere
, e severe; la seconda de' Poeti Eroici, che l' alterarono,
e le corruppero; la terza d' Omero, ch' alterate,
e corrotte le ricevette. Ora la stessa Critica Metafisica
sopra la Storia dell'oscurissima Antichità
, ovvero
la spiegazione dell'idee, ch'andarono naturalmente
faccendo le antichissime Nazioni, ci può illustrar', e
distinguere la Storia de' Poeti Dramatici, e Lirici; della
quale troppo oscura, e confusamente hanno scritto
i Filologi. Essi pongono tra' Lirici Anfione Metinneo,
poeta antichissimo de' Tempi Eroici; e che egli ritruovò
il Ditirambo, e con quello il Coro; e che introdusse
i Satiri a cantar in versi; e che 'l Ditirambo
era un Coro menato in giro, che cantava versi fatti in
lode di Bacco. Dicono, che dentro il tempo della Lirica
fiorirono insigni Tragici; e Diogene Laerzio afferma,
che la prima Tragedia fu rappresentata dal solo Coro.
Dicono, ch' Eschilo fu il primo Poeta Tragico; e Pausania
racconta, essere stato da Bacco comandato a scriver
Vico SN44 408