— 9 —
      Andava egli frattanto a perdere la dilicata complessione in
mal d'eticía, ed eran a lui in troppe angustie ridotte le famigliari
fortune, ed aveva un ardente desiderio di ozio per seguitare i
suoi studi, e l'animo abborriva grandemente dallo strepito del
fòro, quando portò la buona occasione che, dentro una libreria,
monsignor Geronimo Rocca vescovo d'Ischia, giureconsulto
chiarissimo, come le sue opere il dimostrano, ebbe con essolui
un ragionamento d'intorno al buon metodo d'insegnare la giurisprudenza.
Di che il monsignore restò cosí soddisfatto che il
tentò a volerla andare ad insegnare a' suoi nipoti in un castello
del Cilento di bellissimo sito e di perfettissima aria, il quale
era in signoria di un suo fratello, signor don Domenico Rocca
(che poi sperimentò gentilissimo suo mecenate e che si dilettava
parimente della stessa maniera di poesia), perché l'arebbe dello
in tutto pari a' suoi figliuoli trattato (come poi in effetto il trattò),
ed ivi dalla buon'aria del paese sarebbe restituito in salute ed
arebbe tutto l'agio di studiare.
Vico Aut 9