— 328 —
Istoria con le sue lettere volgari, ch'esso aveva a' Greci
dalla Fenicia portato! E Desiderio Erasmo con mille
inezie indegne dell'Uomo Eruditissimo, che fu detto il
Varron Cristiano, vuol, che contenga la Storia delle
Lettere ritrovate da Cadmo
. Così la chiarissima Istoria
d'un tanto benefizio d'aver ritruovato le lettere alle
Nazioni, che per se stessa doveva esser romorosissima,
Cadmo nasconde al Gener'Umano di Grecia dentro l'inviluppo
di cotal Favola; ch' è stata oscura fin'a' tempi
di Erasmo, per tener' arcano al volgo uno sì grande Ritruovato
di Volgare Sapienza
, che da esso Volgo tali lettere
furon dette volgari.
II.

Ma con maravigliosa brevità, ed acconcezza narra
Omero questa medesima Istoria tutta ristretta nel geroglifico
lasciatogli nello Scettro di Agamennone: il quale
Vulcano fabbricò a Giove; perchè Giove co' primi fulmini
dopo il Diluvio fondossi il Regno sopra gli Dei,
e gli uomini; che furon'i Regni divini nello stato delle
Famiglie: poi Giove il diede a Mercurio; che fu il caduceo,
con cui Mercurio portò la prima Legge Agraria
alle plebi; onde nacquero i Regni Eroici delle prime
città: qui Mercurio il diede a Pelope, Pelope a Tieste,
Tieste ad Atreo, Atreo ad Agamennone, ch' è tutta
la successione della Casa Reale d'Argo.
III.

Però più piena, e spiegata è la Storia del Mondo, che 'l
medesimo Omero ci narra essere stata descritta nello Scudo
d'Achille
. I. Nel principio vi si vedeva il Cielo, la
Terra, il Mare, il Sole, la Luna, le Stelle: questa è
l' Epoca della Criazione del Mondo. II. Dipoi due Città;
in una erano canti, imenei, e nozze: questa è l' Epoca
delle Famiglie Eroiche de' figliuoli
nati dalle nozze solenni:
Vico SN44 328