— 315 —
qual si è sopra dimostro: appunto come ne' tempi
barbari ritornati
i beni feudali si dicevano Beni della
lancia
, e i burgensatici si chiamavano Beni
del fuso
, come si ha nelle Leggi Inghilesi; onde
l' Arme Reale di Francia per significare la Legge Salica,
ch'esclude dalla successione di quel Regno le donne,
è sostenuta da due Angioli vestiti di Dalmatiche, e armati
d' aste; e si adorna di questo motto eroico, Lilia
non nent
. Talchè come Baldo per nostra
bella ventura la Legge Salica chiamò Jus gentium
Gallorum
; così noi la Legge delle XII. Tavole,
per quanto serbava nel suo rigore le successioni ab intestato
dentro i suoi, gli agnati, e finalmente i gentili,
possiam chiamare Jus gentium Romanorum:
perchè appresso si mostrerà, quanto sia vero, che ne'
primi tempi di Roma vi fusse stata costumanza, onde le
figliuole venissero ab intestato alla successione de' loro
padri, e che poi fusse passata in Legge nelle XII. Tavole.
Finalmente Ercole esce in furore col tingersi del
sangue di Nesso Centauro, appunto il mostro delle plebi di
due discordi nature
, che dice Livio, cioè tra' furori civili
communica i connubj alla plebe, e si contamina
del sangue plebeo, e 'n tal guisa si muore; qual muore
per la Legge Petelia detta de Nexu l' Ercole Romano il
Dio Fidio; con la qual Legge vinculum fidei
victum est
; quantunque Livio il rapporti
con l'occasione d'un fatto da un diece anni avvenuto
dopo; il qual'in sostanza è lo stesso, che quello, il
quale aveva dato la cagione alla Legge Petelia; nel quale
si dovette eseguire, non ordinare ciò, ch' è contenuto
in tal motto; che dee essere stato di alcuno Antico
Scrittor d'Annali
, che Livio con quanta fede, con
altrettanta ignorazione rapporta; perchè col liberarsi i
plebei del carcere privato de' Nobili creditori, si costrinsero
pur'i debitori con le leggi giudiziarie a pagar'
Vico SN44 315