— 313 —
rillascia a' plebei prima il dominio bonitario, dappoi il quiritario
de' campi, e si riserba i connubj; appunto come i
Patrizj Romani con la prima Agraria di Servio Tullio,
e con la seconda della Legge delle XII. Tavole serbaron'ancor'
i connubj dentro il lor'Ordine, in quel Capo Connubia
incommunicata plebi sunto
; ch'era
primaria conseguenza di quell'altro Auspicia incommunicata
plebi sunto
: onde di là a tre anni la
plebe ne incominciò a far la pretensione, e dopo tre anni di
contesa eroica gli riportò. I Proci di Penelope invadono
la Reggia d'Ulisse, per dire il Regno degli Eroi; e se
n'appellano Re: se ne divorano le regie sostanze; s' hanno
appropiato il dominio de' campi: pretendono Penelope in
moglie
; fanno la pretension de' connubj: in altre parti
Penelope si mantien casta
; e Ulisse appicca i Proci, come
tordi alla rete di quella spezie, con la quale Vulcano
Eroico
trasse Vener'e Marte plebei; gli annoda a
coltivar'i campi da giornalieri d'Achille; come Coriolano
i plebei Romani non contenti dell' Agraria di Servio
Tullio
voleva ridurre a' giornalieri di Romolo, come sopra
si è detto. Quivi ancor' Ulisse combattè con Iro povero,
e l'ammazzò; che dev'essere stata contesa Agraria,
nella qual'i plebei si divoravano le sostanze
d'Ulisse: in altre parti Penelope si prostituisce a' Proci;
communica i connubj alla plebe: e ne nasce Pane,
mostro di due discordanti nature, umana, e bestiale,
ch' è appunto il secum ipse discors appresso
Livio; qual dicevano i Patrizj Romani a' plebei, che
nascerebbe chiunque fusse provenuto da essi plebei, comunicati
lor'i connubj de' Nobili simigliante a Pane,
mostro di due discordanti nature, che partorì Penelope
prostituita a' plebei: da Pasife, la quale si giace col
Toro, nasce il Minotauro, mostro di due nature diverse:
che dev'esser'un'Istoria, che dagli Eroi Cretesi si
comunicarono i connubj a stranieri, che dovettero
Vico SN44 313