— 302 —
Siegue la Politica degli Eroi.

      Ma tutti gli Storici danno il principio al Secolo
eroico
co'i corseggi di Minosse, e con la spedizione
Navale, che fece Giasone in Ponto
, il prosieguimento
con la Guerra Trojana, il fine con gli error degli Eroi, che
vanno a terminare nel ritorno d'Ulisse in Itaca. Laonde
in tali tempi dovette nascere l' ultima delle Maggiori Divinità,
la qual fu Nettuno, per questa autorità
degli Storici
, la qual noi avvaloriamo con una ragion filosofica,
assistita da più luoghi d'oro d' Omero. La ragion
filosofica
è, che l' Arti Navale e Nautica sono gli
ultimi ritruovati delle Nazioni; perchè vi bisognò fior
d'ingegno
, per ritruovarle; tanto che Dedalo, che funne
il Ritruovatore, restò a significar'esso ingegno; e da
Lucrezio ne fu detta daedala tellus, per ingegnosa. I luoghi
d'Omero
sono nell' Odissea, ch'ovunque Ulisse o approda,
o è da tempesta portato, monta alcun poggio,
per veder' entro terra fummo, che gli significhi, ivi
abitare degli uomini. Questi luoghi d'Omero sono avvalorati
da quel luogo d'oro di Platone, ch'udimmo riferirsici
da Strabone sopra nelle Degnità, del lungo orrore,
ch'ebbero del mare le prime nazioni; e la ragione
fu avvertita da Tucidide, che per lo timor de' corseggi le
Nazioni greche tardi scesero ad abitare sulle marine.
Perciò Nettuno ci si narra aver'armato il tridente, col
quale faceva tremar la terra; che dovett'esser'un grande
uncino da afferrar navi, detto con bella metafora
dente, e col superlativo del tre, com'abbiam sopra detto;
col quale faceva tremare le terre degli uomini col
terrore de' suoi corseggi
: che poi già a' tempi d' Omero fu
creduto far tremare le terre della Natura; nella qual'
oppenione Omero fu seguito poi da Platone col suo abisso
dell'acque
, che pose nelle viscere della Terra; ma con
Vico SN44 302