— 290 —
d' ale nelle tempia, son'i dominj alti famigliari, ch'avevano
i Padri nello stato delle Famiglie, ch'andarono
a comporre il dominio eminente civile; e tal teschio fu
inchiovato allo scudo di Perseo
, ch' è lo stesso, del qual' è
armata Minerva; che tra l'armi, o sia nelle Adunanze
armate
delle prime nazioni, tralle quali truovammo
ancor la Romana, detta le spaventose pene, ch' insassiscono
i riguardanti
: una delle quali Serpi sopra dicemmo,
essere stato Dragone, il quale fu detto scriver le leggi col
sangue
; perchè se n'era armata quell' Atene, qual si disse
Minerva Ἀθηνᾶ nel tempo, ch'era occupata dagli Ottimati,
come pur sopra si è detto: e 'l Dragone appo
i Chinesi, i quali ancora scrivono per geroglifici, egli,
com'anco sopra si è veduto, è l' insegna dell'Imperio Civile.
I Fasci Romani sono i litui de' Padri nello stato
delle Famiglie; una qual sì fatta verga in mano d'uno
di essi Omero con peso di parole, chiama scettro, ed
esso Padre appella Re nello scudo, ch'egli descrive
d' Achille; nel quale si contiene la storia del Mondo;
e in tal luogo è fissata l' Epoca delle Famiglie innanzi
a quella delle Città, come appresso sarà pienamente
spiegato: perchè con tali litui presi gli auspicj, che le
comandassero, i padri dettavano le pene de' loro figliuoli,
come nella Legge delle XII. Tavole ne passò quella
del Figliuol'empio, che abbiamo sopra veduto: onde
l' unione di tali verghe, o litui significa la generazione
dell'Imperio Civile
, la quale si è quì ragionata. Finalmente
Ercole, carattere degli Eraclidi, ovvero Nobili
dell'Eroiche Città, lutta con Anteo, carattere de' Famoli
ammutinati; ed innalzandolo in Cielo, rimenandolo
nelle prime Città poste in alto, il vince, e l' annoda
a terra
; di che restò un giuoco a' Greci detto del
Nodo; ch' è 'l nodo Erculeo, col qual'Ercole fondò le
nazioni eroiche; e per lo quale da' plebei si pagava
agli Eroi la decima d'Ercole; che dovett'esser'il censo,
Vico SN44 290