— 285 —
prima mercede fu, come dovett'essere, la più semplice,
e naturale, qual' è de' frutti, che si raccogliono dalla
terra: la qual mercede sia o di fatighe, o di robe si costuma
tuttavia ne' commerzj de' Contadini.
      Tutta questa Istoria conservarono i Greci nella
voce νόμος, con la quale significano e legge, e pascolo;
perchè la prima legge fu quest' Agraria; per la
quale gli Re Eroici furono detti Pastori de' popoli; come
qui si è accennato, e più appresso si spiegherà.
      Così i plebei delle prime barbare nazioni, appunto,
come Tacito gli narra appresso i Germani Antichi,
ove con errore gli crede Servi, perchè, come si è
dimostro, i Socj Eroici erano, come Servi, si dovettero
dagli Eroi sparger per le campagne, et ivi soggiornare
con le lor case ne' campi assegnati loro; e
co' frutti delle ville contribuire, quanto faceva d'uopo
al sostentamento de' lor Signori; con le quali condizioni
si congiunga il giuramento, che pur da Tacito
udimmo sopra, di dover'essi e guardargli, e difendergli,
e servir'alla loro gloria: e tal spezie di diritti
si pensi di diffinirsi con un nome di legge; che si vedrà
con evidenza, che non può convenir loro altro nome,
che di questi, i quali da noi si dicono Feudi.
      Di tal maniera si truovarono le prime Città fondate
sopra ordini di Nobili, e caterve di plebei, con
due contrarie eterne propietà; le quali escono da questa
natura di cose umane civili, che si è qui da noi ragionata,
de' plebei di voler sempre mutar gli stati, come
sempre essi gli mutano, e de' Nobili sempre di
conservargli: onde nelle mosse de' civili governi se ne
dicono ottimati tutti coloro, che si adoperano per mantenere
gli stati, ch'ebbero tal nome da questa propietà
di star fermi, ed in piedi.
      Quivi nacquero le due divisioni, una di Sappienti,
e di volgo; perocchè gli Eroi fondavano i loro
Vico SN44 285