— 266 —
per dirla con la frase troppo ben'intesa di Pomponio
Giureconsulto
, rebus ipsis dictantibus regna
condita
; detto convenevolmente alla dottrina
della Romana Ragione
, che stabilisce Jus naturale
gentium
Divina Providentia constitutum. Et
ecco la generazione de' Regni Eroici; e perchè i Padri
erano Sovrani Re delle lor Famiglie, nell' ugualità di
sì fatto stato, e per la feroce natura de' Polifemi, niuno
di tutti naturalmente dovendo cedere all'altro;
uscirono da sè medesimi i Senati Regnanti, o sia di
tanti Re delle lor Famiglie, i quali senza umano scorgimento,
o consiglio si truovaron'aver' uniti i loro
privati interessi a ciascun loro Comune, il quale si disse
patria, che sottointesovi res, vuol dir' interesse di padri;
e i Nobili se ne dissero patricj; onde dovettero i
soli Nobili esser'i Cittadini delle prime patrie. Così
può esser vera la Tradizione, che ce n' è giunta, che
ne' primi tempi si eleggevano gli Re per natura: della
quale vi sono due luoghi d'oro appo Tacito de Moribus
Germanorum
; i quali ci danno luogo di congetturare
essere stato lo stesso costume di tutti gli altri primi popoli
barbari: uno è quello; non casus, non fortuita
conglobatio turmam, aut cuneum facit, sed familiae, et
propinquitates
: l'altro è; duces exemplo potius, quam
imperio, si prompti, si conspicui, si ante aciem agant, admiratione
praesunt
. Tali essere stati i primi Re in Terra
ci si dimostra da ciò, che tal'i Poeti Eroi immaginarono
essere Giove in Cielo, Re degli uomini, e degli
Dei
, per quell'aureo luogo di Omero, dove Giove si
scusa con Teti, ch'esso non può far nulla contro a ciò,
che gli Dei avevano una volta determinato nel gran Consiglio
Celeste
; ch' è parlare di vero Re Aristocratico;
dove poi gli Stoici ficcarono il loro dogma di Giove
soggetto al Fato
: ma Giove, e gli altri Dei tennero
consiglio d'intorno a tai cose degli uomini; e sì le determinarono
Vico SN44 266