— 815 —
      E non sí tosto ebbe chiusa la bocca la dea di Pafo, che
Minerva l'aperse dicendo: - Or, a che fine destinate la
mia bella manifattura, quel palaggio vagabondo, quella
stanza mobile, quella bottega e quella fiera errante, quella
vera balena che gli traghiuttiti corpi vivi e sani le va a
vomire ne gli estremi lidi de le opposte, contrarie e diverse
margini del mare? - Vada, risposero molti dei, con
l'abominevole Avarizia, con la vile e precipitosa Mercatura,
col desperato Piratismo, Predazione, Inganno, Usura
ed altre scelerate serve, ministre e circonstanti di costoro.
Ed ivi risieda la Liberalità, la Munificenza, la Nobiltà di
spirito, la Comunicazione, Officio ed altri degni ministri
e servi loro. - Bisogna, disse Minerva, che sia conceduta
ed appropriata a qualcuno. - Fa' di quella ciò che a te
piace, disse Giove. - Or dunque, disse lei, serva a qualche
sollecito Portughese, o curioso ed avaro Britanno, acciò
con essa vada a discuoprir altre terre ed altre regioni verso
l'India occidentale, dove il capo aguzzo Genovese non
ha discuoperto, e non ha messo i piedi il tenace e stiptico
Spagnolo; e cossí successivamente serva per l'avenire al
piú curioso, sollecito e diligente investigator de nuovi
continenti e terre. -
Bruno Best 815