— 812 —
- Ordine, disse Momo, conveniente non a Giove
quando è stazionario o diretto, ma quando è retrogrado.
Mi maravigliavo io, quando vedevo questi sacerdoti de
Diana, dopo aver ucciso un daino, una capriola, un cervio,
un porco cinghiale o qualch'altro di questa specie, inginocchiarsi
in terra, snudarsi il capo, alzar verso gli astri
le palme; e poi con la scimitarra propria troncargli la testa,
appresso cavargli il cuore prima che toccar gli altri membri;
e cossí successivamente con un culto divino adoprando il
picciolo coltello, procedere di mano in mano a gli altri ceremoni;
onde appaia con quanta religione e pie circonstanze
sa far la bestia lui solo che non admette compagno a questo
affare, ma lascia gli altri con certa riverenza e finta maraviglia
star in circa a remirare. E mentre lui è tra gli altri
l'unico manigoldo, si stima essere a punto quel sommo
sacerdote a cui solo era lecito di portare il Semammeforasso,
e ponere il piè entro in Santasantoro. Ma il male è
— 813 —
che sovente accade che, mentre questi Atteoni vanno perseguitando
gli cervi del deserto, vegnono dalla lor Diana
ad esser convertiti in cervio domestico, con quel rito
magico soffiandogli al viso, e gittandogli l'acqua de la fonte
a dosso, e dicendo tre volte:
Si videbas feram,
Tu currebas cum ea;
Me, quae iam tecum eram,
Spectes in Galilea;
over, incantandolo per volgare, in questa altra maniera:
Lasciaste la tua stanza
E la bestia seguitaste;
Con tanta diligenza
A dietro gli corresti,
Che medesimo in sustanza
Compagno te gli fêsti. Amen.

Bruno Best 812-813