— 252 —
Omero il racconta, Ajace Torre de' Greci, che solo
combatte con intiere battaglie Trojane, come de' Latini,
ch' Orazio solo sul ponte sostiene un esercito di Toscani,
cioè Ajace, Orazio co' lor vassalli: appunto come
nella Storia barbara ritornata, quaranta Normanni Eroi,
i quali ritornavano da Terra Santa, discacciano un'Esercito
di Saraceni
, che tenevano assediato Salerno. Onde
bisogna dire, che da queste prime antichissime protezioni,
le quali gli Eroi presero de' rifuggiti alle loro
Terre, dovettero incominciar'i Feudi nel Mondo, prima
rustici personali, per gli quali tali vassalli debbon'essere
stati i primi vades, ch'erano obbligati nella persona
a seguir'i loro Eroi, ove gli menassero a coltivare
i di loro campi; che poi restarono detti i rei obbligati
di seguir'i lor' attori in giudizio: onde come vas a' Latini,
βὰς a i Greci, così Was, e Wassus restaron'a'
Feudisti barbari a significare vassallo: dappoi dovettero
venire i Feudi rustici reali, per gli quali i vassalli dovetter'
essere i primi praedes, o mancipes, gli obbligati
in roba stabile; e mancipes propiamente restaron detti
tali obbligati all'Erario; di che più ragioneremo in appresso.
      Quindi devon'altresì incominciare le prime Colonie
Eroiche
, che noi diciamo mediterranee, a differenza
di altre, le quali vennero appresso, che furono le
marittime; le quali vedremo essere state drappelli di rifuggiti
da mare
, che si salvarono in altre terre, che
nelle Degnità si son'accennate: perchè il nome propiamente
altro non suona, che moltitudine di giornalieri,
che coltivano i campi, come tuttavia fanno, per lo vitto
diurno
. Delle quali due spezie di Colonie son' Istorie
quelle due Favole; cioè delle mediterranee è 'l famoso
Ercole Gallico, il quale con catene d'oro poetico, cioè
del frumento, che gli escono di bocca, incatena per gli
orecchi moltitudine d'uomini, e gli si mena, dove vuol,
Vico SN44 252