— 232 —
disponendo le statue de' lor'antenati nelle sale delle
loro case per fili, che dissero stemmata; che dev'aver
origine da temen, che vuol dir filo; ond' è subtemen,
filato, che si stende sotto nel tessersi delle tele; i quali
fili geanologici poi da' Giureconsulti si dissero lineae; e
quindi stemmata restarono in questi tempi a significare
Insegne Gentilizie: talch' è forte congettura, che le
prime terre con tali seppelliti sieno stati i primi scudi
delle Famiglie
; onde dev'intendersi il motto della
Madre Spartana, che consegna lo scudo al figliuolo,
che va alla guerra, dicendo, aut cum hoc, aut in hoc,
volendo dire, ritorna o con questo, o sopra una bara;
siccome oggi in Napoli, tuttavia la bara si chiama scudo:
e perchè tai sepolchri erano nel fondo de' campi,
che prima furon da semina; quindi gli scudi nella Scienza
del Blasone
son diffiniti il fondamento del campo, che
poi fu detto dell' armi.
      Da sì fatta Origine dee esser venuto detto filius,
il quale distinto col nome, o casato del padre significò
nobile; appunto come il patrizio Romano udimmo sopra
diffinito, qui potest nomine ciere patrem; il qual
nome de' Romani vedemmo sopra esser'a livello il
patronimico, il quale sì spesso usarono i primi Greci;
onde da Omero si dicono filj Achivorum gli Eroi; siccome
nella Sagra Storia filj Isra'l sono significati i nobili
del popolo Ebreo
. Talchè è necessario, che se le tribu
dapprima furono de' nobili, dapprima di soli nobili si
composero le città, come appresso dimostreremo. Così
con essi sepolcri de' loro seppelliti i Giganti dimostravano
la signoria delle loro terre; lo che restò in Ragion
Romana
di seppellire il morto in un luogo propio, per
farlo religioso: e dicevano con verità quelle frasi eroiche,
noi siamo figliuoli di questa Terra, siamo nati da
queste roveri
; come i Capi delle Famiglie da' Latini si
dissero stirpes, e stipites; e la discendenza di ciascheduno
Vico SN44 232