— 229 —
de Parricidio secondo la lezione di Giacomo Revardo son
detti Deivei Parentum; e nella Sagra Storia si
legge sì frequente una simil'espressione, Deus parentum
nostrorum
, come più spiegatamente Deus Abraham, Deus
Isac, Deus Jacob
; d'intorno a che è quella tralle Leggi
di Cicerone
così conceputa, Sacra familiaria
perpetua manento
; ond' è la frase sì spessa nelle
Leggi Romane, con la quale un figliuol di famiglia
si dice essere in sacris paternis, e si dice sacra patria essa
paterna potestà; le cui ragioni ne' primi tempi, come si
dimostra in quest'Opera, erano tutte credute sagre. Cotal
costume si ha a dire essere stato osservato da' barbari,
i quali vennero appresso; perchè in Firenze a' tempi
di Giovanni Boccaccio, come l'attesta nella Geanologia
degli Dei
, nel principio di ciascun'anno il Padre di famiglia
assiso nel Focolajo a capo di un ceppo, a cui s'appiccava
il fuoco, gli dava l' incenso, e vi spargeva del
vino: lo che dalla nostra bassa plebe Napoletana si osserva
la sera della Vigilia del Santo Natale; che 'l Padre di
famiglia
solennemente deve appiccare il fuoco ad un
ceppo sì fatto nel fuocolajo; e per lo Reame di Napoli
le famiglie dicono noverarsi per Fuochi. Quindi, fondate
le città, venne l'universal costume, che i matrimonj
si contraggono tra' cittadini; e finalmente restò
quello, che ove si contraggono con istranieri, abbiano
almen tra loro la religione comune. Ora ritornando dal
fuoco all'acqua, Stige, per cui giuravano i Dei, fu
la sorgiva delle Fontane; ove gli Dei debbon'esser'i Nobili
dell' Eroiche Città, come si è sopra detto; perchè
la comunanza di tal' acqua aveva fatto loro i regni sopra
degli uomini: onde fin'al CCCIX. di Roma i Patrizj
tennero i Connubj incomunicati alla plebe, come se n' è
detto alquanto sopra, e più appresso se ne dirà. Per
tutto ciò nella Storia Sagra si leggono sovente o pozzo
del giuramento
, o giuramento del pozzo: ond'esso nome
Vico SN44 229