— 774 —
      - Vedi, dunque, o Diana, disse Giove, quel che vuoi
far di questo tuo animale, il qual vivo è tristo, e morto
non serve a nulla. - Permettetemi (se cossí piace a voi),
disse la vergine dea, che ritorne a Scio nel monte Chelippio;
dove per mio ordine nacque a mal grado del presuntuoso
Orione, ed ivi in quella materia di cui fu prodotto,
si risolva. Seco si partano la Fraude, la Decepzione, l'Inganno,
la perniciosa Finzione, il Dolo, l'Ipocrisia, la Buggia,
il Pergiuro, il Tradimento; e quivi succedano le contrarie
virtudi, Sincerità, Execuzion di promesse, Osservanza di
fede, e le lor sorelle, seguaci e ministre. - Fanne quel che
ti piace, disse Momo; perché gli fatti di costui non ti saran
messi in controversia, come a Saturno il vecchio quegli de'
doi fanciulli. E veggiamo presto quel che si deve far del figlio
Euschemico, che son già tante migliaia d'anni che con
téma di mandarla via senza averne un'altra, tiene quella
vedova saetta incoccata a l'arco, facendo la mira là dove
si continua la coda alla spina del dorso di Scorpione.
Bruno Best 774