— 211 —
e che i popoli delle Città Eroiche eran di soli Nobili;
a' quali i rei condennati si richiamavano. Ora per
ritornar'al proposito, cotal Legge di Tullo in fatti è
uno di quelli, che si dissero Exempla in senso di castighi
Esemplari
; e dovetter'esser'i primi Esempli, ch'usò
l' Umana Ragione: lo che conviene con quello, ch'udimmo
da Aristotile sopra nelle Degnità, che nelle Repubbliche
Eroiche non vi erano leggi d'intorno a' torti, ed
offese private
: e 'n cotal guisa prima furono gli esempli
reali
; dipoi gli esempli ragionati, de' quali si servono
la Logica, e la Rettorica: ma poichè furono intesi gli
Universali intelligibili, si riconobbe quella essenziale
propietà della Legge, che debba esser universale; e si
stabilì quella massima in Giurisprudenza, che legibus,
non exemplis est judicandum
.
Della Morale Poetica;
E qui dell'Origini delle Volgari Virtù, insegnate
dalla Religione co' Matrimonj.

      Siccome la Metafisica de' Filosofi per mezzo dell' Idea
di Dio
fa il primo suo lavoro, ch' è di schiarire la
mente umana
, ch'abbisogna alla Logica, perchè con
chiarezza, e distinzione d'idee formi i suoi raziocinj;
con l'uso de' quali ella scende a purgare il cuore dell'Uomo
con la Morale: così la Metafisica de' Poeti Giganti,
ch'avevano fatto guerra al Cielo con l' ateismi, gli vinse
col terrore di Giove, ch'appresero fulminante; e non
meno, che i corpi, egli atterrò le di loro menti con
fingersi tal' Idea sì spaventosa di Giove; la quale, se
non co' raziocinj, de' quali non erano ancor capaci,
co' sensi, quantunque falsi nella materia, veri però
nella loro forma; che fu la Logica conforme a sì fatte
loro nature
, loro germogliò la Morale Poetica con fargli
Vico SN44 211