— 768 —
e
subito soggionse il proposito del Leone, dicendo: - Ma
questo fiero animale guardisi di seguitar il Cancro e di
— 769 —
voler là ancora farsegli compagno; perché, se va a Venezia,
trovarà ivi un altro, piú che lui essere possa, forte; percioché
quello non solo sa combattere in terra, ma oltre
guerreggia bene in acqua, e molto meglio in aria, atteso
che ha l'ali, è canonizato, ed è persona di lettere: però
sarà piú espediente per lui di calarsene a gli Libici deserti
dove trovarà moglie e compagni. E mi par che a quella
piazza si debba transferir quella Magnanimità, quella eroica
Generositade, che sa perdonar a' soggetti, compatir a
gl'infermi, domar l'Insolenza, conculcar la Temeritade,
rigettar la Presunzione e debellar la Suberbia. - Assai
bene! - disse Giunone e la maggior parte del concistoro.
Lascio di riferire con quanto grave, magnifico e bello apparato
e gran comitiva se ne andasse questa virtude;
perché al presente, per la angustia del tempo, voglio che
vi baste di udire il principale circa la riforma e disposizione
delle sedie; essendo che sono per informarvi di tutto il
resto quando sedia per sedia vi condurrò vedendo ed essaminando
queste corti.
Bruno Best 768-769