— 203 —
perchè l' Insegne si ritruovarono per segni della prima
Division delle terre
, ch'erano state innanzi nell'usarle
a tutto il Gener'Umano Comuni; onde i termini prima
reali di tali campi, poi dagli Scolastici si presero
per termini vocali, o sia per voci significative, che sono
gli estremi delle proposizioni; qual'uso appunto di
termini hanno appo gli Americani, come si è veduto
sopra, i geroglifici, per distinguere tra essolor le Famiglie.
Da tutto ciò si conchiude, che all' Insegne
la gran necessità di significare ne' tempi delle nazioni
mutole dovette esser fatta dalla certezza de' dominj: le
quali poi passarono in Insegne pubbliche in pace, onde
vennero le medaglie; le quali, appresso essendosi introdutte
le guerre, si truovarono apparecchiate per
l' Insegne Militari: le quali hanno il primiero uso
de' geroglifici; faccendosi per lo più le guerre fra nazioni
di voci articolate diverse, e 'n conseguenza mute
tra loro. Le quali cose tutte qui ragionate a maraviglia
ci si conferma esser vere da ciò, che per
uniformità d'idee appo gli Egizj, gli antichi Toscani,
Romani
, e gl' Inghilesi, che l'usano per fregio della
lor' Arme Reale, si formò questo geroglifico appo tutti
uniforme, un' Aquila in cima ad uno Scettro; ch'appo
queste nazioni tra loro per immensi spazj di terre e
mari divise dovette egualmente significare, ch'i Reami
ebbero i loro incominciamenti da' primi Regni Divini di
Giove in forza de' di lui auspicj. Finalmente essendosi
introdutti i commerzj con danajo coniato, si ritruovarono
le medaglie apparecchiate per l'uso delle monete;
le quali dall'uso di esse medaglie furon dette monetae
a monendo
appresso i Latini; come dall' Insegne
fu detto insegnare appresso gl'Italiani. Così da νόμος
venne νόμισμα, lo che ci disse Aristotile; et indi ancor
forse venne detto a' Latini numus, ch'i migliori
scrivono con un m; e i Francesi dicono loy la legge, et
Vico SN44 203