— 756 —
      Qua risorse Minerva, e disse: - Ma io, per non parer
meno cortese a le Muse, voglio inviar a gli geometri incomparabilmente
maggiore e meglior dono, che questo ed altro
che sia sin ora donato; per cui il Nolano, al quale fia primieramente
revelato, e dalla cui mano venga diffuso alla
moltitudine, mi debbia non solamente una, ma cento
ecatombi; perché in virtú della contemplazion de l'equità
che si trova tra il massimo e minimo, tra l'extimo ed
intimo, tra il principio e fine, gli porgo una via piú feconda,
— 757 —
piú ricca, piú aperta e piú sicura; la quale non solamente
dimostre como il quadrato si fa uguale al circolo, ma,
ed oltre, subito, ogni trigono, ogni pentagono, ogni exagono,
e finalmente qualsivoglia e quantosivoglia poligònia
figura; dove non meno fia uguale linea a linea che superficie
a superficie, campo a campo, e corpo a corpo nelle
solide figure. -
      Saulino. Questa sarà cosa eccellentissima, ed un tesoro
inestimabile per gli cosmimetri.
      Sofia. Tanto eccellente e degna, che certo parmi che
contrapese a l'invenzione di tutto il rimanente della geometrica
facultade. Anzi da qua pende un'altra piú intiera,
piú grande, piú ricca, piú facile, piú esquisita, piú breve e
niente men certa; la quale qualsivoglia figura poligònia
viene ad comensurare per la linea e superficie del circolo;
ed il circolo per la linea e superficie di qualsivoglia poligonía. -
Bruno Best 756-757