— 169 —
tali, si debbono tralasciare di riferirsi. Il saggio sia
questo, che, perocchè a' tempi barbari ritornati la
Scandinavia, ovvero Scanzia per la boria delle Nazioni
fu detta vagina gentium, e fu creduta la madre di tutte
l'altre del Mondo; per la boria de' Dotti furono
d'oppenione Giovanni, et Olao Magni, ch'i loro Goti
avessero conservate le lettere fin dal principio del
Mondo, divinamente ritruovate da Adamo; del qual
sogno si risero tutti i Dotti. Ma non per tanto si ristò
di seguirgli, e d'avanzargli Giovanni Goropio Becano,
che la sua Lingua Cimbrica, la quale non molto si
discosta dalla Sassonica, fa egli venire dal Paradiso Terrestre,
e che sia la madre di tutte l'altre: della qual'oppenione
fecero le favole Giuseppe Giusto Scaligero, Giovanni
Camerario, Cristoforo Brecmanno
, e Martino Scoockio. E pure
tal boria più gonfiò, e ruppe in quella d' Olao Rudbechio
nella sua opera intitolata Atlantica, che vuole, le lettere
greche
esser nate dalle Rune; e che queste sien le
Fenicie rivolte, le quali Cadmo rendette nell'ordine,
e nel suono simili all' Ebraiche; e finalmente i Greci
l'avessero dirizzate, e tornate col regolo, e col compasso;
e perchè il Ritruovatore tra essi è detto Mercurouman,
vuole, che 'l Mercurio, che ritruovò le lettere
agli Egizj, sia stato Goto. Cotanta licenza di oppinare
d'intorno all' Origini delle Lettere deve far'accorto
il Leggitore a ricevere queste cose, che noi ne diremo,
non solo con indifferenza di vedere, che arrechino
in mezzo di nuovo; ma con attenzione di meditarvi,
e di prenderle, quali debbon'essere, per Principj
di tutto l'Umano, e Divino Sapere della Gentilità
.
      Perchè da questi Principj di concepir'i primi uomini
della Gentilità l'idee delle cose per caratteri fantastici
di sostanze animate, e mutoli di spiegarsi con
atti, o corpi, ch'avessero naturali rapporti all'idee,
quanto per esemplo lo hanno l' atto di tre volte falciare,
Vico SN44 169