— 721 —
      Sofia. Dimmi, se non ti è grave, in che maniera dite
che l'Avarizia vuol rimediare?
      Mercurio. Aggravando gli castighi de delinquenti, di
sorte che della pena d'un reo vegnano equalmente partecipi
— 722 —
molti innocenti, e tal volta gli giusti; e con ciò vegna
a farsi sempre piú e piú grasso il prencipe.
      Sofia. È cosa naturale che le pecore ch' hanno il lupo
per governatore, vegnano castigate con esser vorate da lui.
      Mercurio. Ma è da dubitare che qualche volta sia sufficiente
la sola cupa fame ed ingordiggia del lupo a farle
colpevoli. Ed è contra ogni legge, che per difetto del padre,
vegnano multati gli agnelli e la madre.
      Sofia. È vero che mai ho trovato tal giudizio se non tra'
fieri barbari, e credo che prima fusse trovato tra' Giudei,
per esser quella una generazione tanto pestilente, leprosa e
generalmente perniciosa, che merita prima esser spinta che
nata. Sí che, per venire al nostro proposito, questa è la
caggione che ti tien turbato, suspeso, e per cui fia mestiero
che subito mi lasci?
      Mercurio. Cossí è; ho voluto far questo camino per convenirti
prima che giunga a le parti, dove ho drizzato il volo,
per non farti vanamente aspettare, e non mancar a la promessa
che feci ieri. A Giove ho mosso qualche proposito
de casi tuoi, e lo veggio piú ch'al solito inchinato a compiacerti.
Ma per quattro o cinque giorni, ed oggi tra gli
altri, io non ho ocio di trattar e conferir teco quello che
— 723 —
doviamo negociare in proposito de l'instanza che devi
fare; però arai pazienza in questo mentre, atteso che meglio
è trovar Giove ed il senato feriante da altri impacci, che
in quella maniera che puoi credere che sia al presente.
Bruno Best 721-722-723