— 155 —
Fantasia, per poterle spiegare, e come Pittori, fingerne
umane immagini: ma essi Poeti Teologi non potendo
far'uso dell'intendimento, con uno più sublime
lavoro
tutto contrario diedero sensi, e passioni, come
testè si è veduto, a' corpi, e vastissimi corpi, quanti
sono Cielo, Terra, Mare; che poi impicciolendosi
così vaste fantasie
, e invigorendo l'astrazioni, furono
presi per piccioli loro segni: e la Metonimia spose in
comparsa di dottrina l'ignoranza di queste finor seppolte
origini di cose umane; e Giove ne divenne sì
picciolo, e sì leggieri, ch' è portato a volo da un'Aquila;
corre Nettunno sopra un dilicato cocchio per mare,
e Cibele è assisa sopra un Lione.
      Quindi le Mitologie devon'essere state i propj parlari
delle Favole
, che tanto suona tal voce: talchè essendo
le Favole, come sopra si è dimostrato, Generi
Fantastici
, le Mitologie devon'essere state le loro propie
allegorie; il qual nome, come si è nelle Degnità
osservato, ci venne diffinito diversiloquium, in quanto
con identità non di proporzione, ma, per dirla alla
scolastica, di predicabilità, esse significano le diverse
spezie
, o i diversi individui compresi sotto essi generi;
tanto che devon'avere una significazione univoca, comprendente
una ragion comune alle loro spezie, o individui;
come d' Achille un' idea di valore comune a tutti
i Forti
, come d' Ulisse, un idea di prudenza comune a
tutti i Saggi
: talchè sì fatte allegorie debbon'essere
l' etimologie de' parlari poetici, che ne dassero le loro
origini tutte univoche, come quelle de' parlari volgari
lo sono più spesso analoghe: e ce ne giunse pure la diffinizione
d'essa voce etimologia, che suona lo stesso, che
veriloquium; siccome essa favola ci fu diffinita vera
narratio
.
     
Vico SN44 155