— 145 —
per lo qual' Omero è 'l Principe di tutti i sublimi
Poeti
, che sono gli Eroici, non meno per lo merito,
che per l' età. Per la quale Discoverta de' Principj
della Poesia si è dileguata l'oppenione della Sapienza
innarrivabile degli Antichi cotanto disiderata di scuoprirsi
da Platone infin'a Bacone da Verulamio de Sapientia
Veterum
: la quale fu Sapienza Volgare di Legislatori,
che fondarono il Gener'Umano, non già Sapienza Riposta
di sommi, e rari Filosofi. Onde, come si è incominciato
quinci a fare da Giove, si truoveranno
tanto importuni tutti i sensi Mistici d'altissima Filosofia
dati da i Dotti alle Greche Favole, et a' Geroglifici
Egizj
; quanto naturali usciranno i sensi storici, che
quelle, e questi naturalmente dovevano contenere.

Corollarj.
D'intorno agli Aspetti Principali di questa
Scienza.

      I. Dal detto fino qui si raccoglie, che la Provvedenza
Divina
appresa per quel senso umano,
che potevano sentire uomini crudi, selvaggi, e fieri,
che ne' disperati soccorsi della Natura anco essi disiderano
una cosa alla Natura superiore, che gli salvasse
; ch' è 'l
primo Principio, sopra di cui noi sopra stabilimmo il
Metodo di questa Scienza; permise loro d'entrar nell'
inganno di temere la falsa divinità di Giove, perchè
poteva fulminargli; e sì dentro i nembi di quelle prime
tempeste, e al barlume di que' lampi videro questa
gran verità, che la Provvedenza Divina sovraintenda
alla Salvezza di tutto il Gener'Umano
. Talchè
quindi questa Scienza incomincia per tal principal'aspetto
ad essere una Teologia Civile Ragionata della Provvedenza;
la quale cominciò dalla Sapienza Volgare de' Legislatori,
Vico SN44 145