— 158 —
E ne costa
dall'istorie di Felice Martire Nolano, quale dechiarano al
— 159 —
tempo suo, che è stato poco piú o meno di mill'anni passati,
era il mare vicino alle mura della città, dove è un tempio,
che ritiene il nome di Porto, onde al presente è discosto
dodeci milia passi. Non si vede il medesmo in tutta la Provenza?
Tutte le pietre, che son sparse per gli campi, non
mostrano un tempo esser state agitate da l'onde? La
temperie della Francia parvi che dal tempo di Cesare al
nostro sia cangiata poco? Allora in loco alcuno non era
atta alle viti; ed ora manda vini cossí deliziosi come altre
parti del mondo, e da' settentrionalissimi terreni di quella
si raccoglieno gli frutti de le vigne. E questo anno ancora
ho mangiate de l'uve de gli orti di Londra, non già cossí
perfette come de' peggiori di Francia, ma pur tale quali
affermano mai esserne prodotte simili in terra inglesa.
Da questo dunque, che il mare Mediterraneo, lasciando piú
secca e calda la Francia e le parti de l'Italia, quali io con
li miei occhi ho viste, va inchinando verso la Libia, séguita
— 160 —
che, venendosi piú e piú a scaldarsi l'Italia e la Francia
e temprarsi la Britannia, doviamo giudicare che generalmente
si mutano gli abiti de le reggioni, con questo che la
disposizion fredda si va disminuendo verso l'Artico polo.
Bruno Cena 158-159-160