— 137 —
degli Dei, e de' Padri, il quale si troverà e degli uni,
e degli altri essere ne' primi tempi stato spaventosissimo,
avvenne che i Giganti degradarono alle nostre giuste stature;
il perchè forse da πολιτεία, ch'appo i Greci vuol
dir governo Civile, venne a' Latini detto politus nettato,
e mondo.
      Tal degradamento dovette durar'a farsi fin'a' tempi
umani delle Nazioni
, come il dimostravano le smisurate
armi de' vecchi Eroi
; le quali insieme con l'ossa, e i
teschi degli antichi Giganti Augusto, al riferire di Suetonio,
conservava nel suo Museo. Quindi, come si è nelle
Degnità divisato, di tutto il primo Mondo degli uomini
si devono fare due generi, cioè uno d'uomini di
giusta corporatura
, che furon'i soli Ebrei, e l' altro di
Giganti
, che furono gli Autori delle Nazioni Gentili:
e de' Giganti fare due spezie; una de' Figliuoli della
Terra
, ovvero Nobili, che diedero il nome all' Età
de' Giganti
con tutta la propietà di tal voce, come si
è detto, e la Sagra Storia gli ci ha diffiniti uomini forti
famosi, potenti del Secolo
; l' altra meno propiamente
detta degli altri Giganti signoreggiati.
      Il tempo di venire gli Autori delle Nazioni Gentili
in sì fatto stato si determina cento anni dal Diluvio
per la razza di Sem, e due cento per quelle di Giafet,
e di Cam, come sopra ve n' ha un postulato; e quindi
a poco se n'arrecherà la Storia Fisica narrataci bensì
dalle Greche Favole, ma finora non avvertita; la quale
nello stesso tempo ne darà un'altra Storia Fisica
dell'Universale Diluvio
.
     
Vico SN44 137